difesambiente: portale di informazione ambientale geosfera
:: LAGHI E FIUMI
:: AREE PROTETTE
:: BIOSFERA
:: GEOSFERA
 geologia
- la tettonica a placche
- i terremoti
- i vulcani
- le rocce
 acqua
- acque sotterranee
- sorgenti
- laghi e fiumi
- mari e oceani
- ghiacciai
 suolo
- agricoltura e allevamento
- deforestazione
- desertificazione
- inquinamento del suolo
 cicli biogeochimici
- ciclo dell'acqua
- ciclo del carbonio
- ciclo dell'ossigeno
- ciclo dell'azoto
- ciclo del fosforo
- ciclo dello zolfo
 risorse
 minerali
:: CLIMA
:: ENERGIA
:: UOMO E AMBIENTE

Laghi e Fiumi

Umbria » Lago di Piediluco

Foto

Lago di Piediluco
Veduta di Piediluco sul lago
Vista del Lago dall'alto
lago di piediluco
Spiaggetta dul Lago di Piediluco

Lago di Piediluco

Mappa Lago di Piediluco» ambiente e attività
» pesca sportiva
» previsioni meteo

Il Lago di Piediluco è situato all’estremità sud-orientale dell’Umbria, al confine con il Lazio, tra i monti Luco e Caperno, il lago di Piediluco è il più grande lago naturale dell’Umbria dopo il Trasimeno.

Il bacino presenta una forma irregolare: un corpo centrale allungato, in direzione E-W, dal quale si diramano diversi bracci. Tale irregolarità determina uno sviluppo di sponda considerevole, di circa 13 km, rispetto allo sviluppo superficiale che è di soli 1,68 km2, a fronte di un bacino idrografico di circa 74 km2.

Collocato a circa 370 metri s.l.m., il lago, in corrispondenza dell’abitato di Piediluco, raggiunge la massima profondità, pari a circa 20 metri. Nell’insieme, sono rarissimi i punti in cui il livello delle acque non supera i 2 metri.

Tre sono i suoi maggiori immissari: l’unico naturale è il Rio Fuscello, che trae origine dal versante orientale del monte Tillia e sbocca nel braccio di Ara Marina; gli altri due sono canali artificiali. Il primo, di circa 400 metri, che ha sostituito l’emissario naturale, collega il lago con il fiume Velino e la Cava Clementina ed è stato realizzato, intorno alla metà degli anni venti, dalla Società Terni per aumentare la capacità produttiva della centrale idroelettrica di Galleto. Il secondo, lungo ben 42 km, quasi tutti in galleria, è stato costruito tra il 1929 e il 1931 per convogliare nel lago le acque del medio Nera, deviate dal loro corso naturale all’altezza di Triponzo. In pratica, le crescenti esigenze di energia elettrica delle industrie ternane hanno trasformato uno specchio d’acqua naturale in un grande invaso di afflussi e deflussi regolati dall’uomo.

Il lago di Piediluco, assieme a quelli più piccoli della piana Reatina, è quanto rimane dell’antico Lacus Velinus, di origine alluvionale, formatosi a partire dal Quaternario come conseguenza delle vicende oroidrografiche riguardanti i fiumi Nera e Velino.

Attività ricreative

Il lago è balneabile in alcuni tratti e ci sono delle spiaggette attrezzate da cui si può accedere, ideali per brevi soggiorni all'insegna del relax.
La bellezza del paesaggio offre anche la possibilità di escursioni tra i boschi circostanti con punti panoramici sul lago molto suggestivi. Tra i rilievi circostanti è caratteristica per la sua forma di largo cono la montagna dell'Eco.
Inoltre, grazie alla straordinaria "calma" delle sue acque, il Lago è meta di sportivi e appassionati di canottaggio offrendo un ottimo campo di gara e di allenamento e sede ogni anno di numerose competizioni remiere, nazionali e internazionali.
Infatti, le condizioni climatiche particolarmente favorevoli, nonchè assenza di venti e correnti, hanno fatto sì che la Federazione Italiana Canottaggio scegliesse Piediluco quale sede per il Centro Nazionale di Canottaggio ospitato presso il Centro Nautico Paolo d'Aloja.

Pesca

Le acque del Lago di Piediluco sono classificate come acque principali.

Specie ittiche presenti: Luccio, Anguilla, Persico Reale, Trota, Coregone, Carpa, Tinca

Nelle acque principali e in quelle secondarie di categoria B a ciascun pescatore "è consentito l'uso di non più di tre canne contemporaneamente, con o senza mulinello, ognuna armata con non più di due ami, con l'uso di esche naturali, e non più di cinque ami, con l'uso di esche artificiali."

La pesca si può effettuare con svariate tecniche, dallo spinning alla pesca di fondo.

Permessi necessari: la pesca sportiva è consentita solo ai titolari di licenza di pesca muniti di apposito tesserino, rilasciato dalla provincia competente e distribuito dalla provincia stessa il cui costo è di 5,16 € ed ha validità annuale.
Le aree di libero accesso al lago sono situate principalmente nei presso dell'abitato di Piediluco, mentre gran parte delle restanti aree sono private.
Per maggiori informazioni ci si può rivolgere presso i negozi di pesca sportiva della zona (emporio "da Zoe", via Salvati - Piediluco (TR), tel. 349 4582323).

Per approfondimenti vedi il regolamento regionale.

come raggiungere il lago di Piediluco

Il lago è raggiungibile dalla SS79 che collega Terni e Rieti.
A pochi km di distanza, in provincia di Rieti vi sono il Lago Lungo e il Lago di Ripasottile.

Previsioni meteo sul lago di Piediluco

area riservata
archivio news
archivio aggiornamenti
proponi un articolo
sostieni Difesambiente
iscriviti al Forum

IN EVIDENZA
Vai al FORUM


laghi e fiumi
aree protette
green IT
natura e poesia
HOME | DIFESAMBIENTE | MAPPA DEL SITO | ARCHIVIO | CONTATTACI |DISCLAIMER | CREDITS

© 2008 - DIFESAMBIENTE   -   progettazione: SOFTKEY